FANDOM



Ikaruga (斑鳩イカルガ Ikaruga) è stata una maga samurai della gilda oscura di assassini Death's Head Caucus nonché leader del suo team più micidiale, i Trinity Raven, che prestò servizio a Gerard Fernandes. Morì alla Torre del Paradiso quando venne mortalmente ferita dalla maga di classe S di Fairy Tail Elsa Scarlett.

Aspetto

  • Anime
  • Manga

Ikaruga ha lunghi capelli rosa acceso che sono legati sulla sua testa in due grandi ciambelle. Ha una figura sinuosa, una pelle color pesca, un neo sotto ogni occhio e un rossetto rosso. Per finire ha due occhi verdi.

Indossa un lungo kimono bianco leggermente allentato con una striscia rossa tra due strisce nere intorno alla vita e un triangolo rosso sul fondo del vestito, decorato da motivi di fiamme e teschi, aperto in alto per rivelare le spalle e una discreta quantità di scissione; è chiuso in vita da una grande cintura nera ornata da un teschio cornuto. Le sue insegne della gilda sono incorporate nel suo kimono e viste alla fine di entrambe le maniche. Nell'anime, tuttavia, sia i teschi sulla sua veste che quelli sulla cintura sono esclusi. Ha anche i nastri legati intorno alle maniche, un cinturino con fibbia attorno al collo e sandali tradizionali con suole delle piattaforme estremamente alte. Le sue insegne della gilda possono essere viste sul fondo della sua veste; spesso si vedono petali di sakura che galleggiano intorno a lei.

Personalità

A prima vista Ikaruga è una persona tranquilla che mantiene un contegno calmo anche durante la battaglia, anche se non è al di sopra dal prendere in giro i suoi nemici e le loro abilità, ma può anche lodarle se si dimostrano dei degni avversari. Tuttavia, era visibilmente turbata quando pensava che Elsa Scarlett la stesse sottovalutando, implicando una grande sicurezza e orgoglio di sè.

Sembra avere un debole per il fraseggio poetico e, nonostante si sia vestita in modo abbastanza scarno, ha rimproverato Elsa per aver indossato armature così rivelatrici alla presenza di un uomo.

Storia

Ha combattuto nella guerra di Cabria insieme ai suoi compagni di squadra e ucciso tutti gli ufficiali classificati sotto il comando dell'esercito occidentale. È stata con la gilda oscura Death's Head Caucus sin dal suo inizio e non ha perso una singola battaglia a cui ha partecipato.

Saga della Torre del Cielo

Ikaruga first appears with her teammates

Ikaruga appare per la prima volta con i suoi compagni di squadra.

Ikaruga è apparso per la prima volta con i suoi compagni di squadra dopo che Natsu Dragonil ha sconfitto Millianna e Wally Buchanan. Viene poi vista quando Jellal Fernandes spiega le regole del suo "gioco" al Team Natsu, Lluvia Loxar, Sho, Simon e Wally. Più tardi, affrontò Sho mentre cercava di scappare dalla Torre del Cielo con Elsa Scarlett, che era intrappolata in una delle sue carte magiche al momento, e li attaccò dal nulla. I suoi attacchi involontariamente tagliarono le barriere dimensionali sulle carte, permettendo ad Elsa di sfuggire e affrontarla. Sebbene Elsa usasse le sue armature più potenti, Ikaruga riuscì a sopraffarla facilmente distruggendole tutte.

Ikaruga defeated by Erza

Ikaruga sconfitta da Elsa.

Alla fine, Elsa cambiò tattica e passò a un normale abito da battaglia, senza armature. Credendo che Elsa non stesse prendendo sul serio il suo potere, Ikaruga dicese di ucciderla e così hanno incrociato le spade per l'ultima volta. Anche se Elsa si guadagno una ferita sulla spalla, riuscì a infliggere una pesante ferita a Ikaruga, con grande sorpresa di quest'ultima. Prima di perdere conoscienza, ha elogiato l'abilità di Elsa, ma l'ha avvertita che sarebbero morti tutti quando la Torre del Cielo sarebbe stata annientata dal raggio Etherion.

Saga dell'Impero di Alvarez

Ikaruga clashes with Erza again

Ikaruga si scontra nuovamente con Elsa.

Ad otto anni di distanza dalla sua morte, l'entità del ricordo di Ikaruga nella mente di Elsa viene evocata tramite la Magia dell'Historia dei Cadaveri dello spriggan Neinhart, attaccando Elsa quasi immediatamente. Inviando una raffica di colpi di spada veloci, Ikaruga riesce ad atterrare un doloroso colpo sulla sua nemica e assassina facendosi beffe di lei. L'entità evocata di Azuma si unisce quindi a lei, entrambe attaccando Elsa nello stesso momento e alla fine la sopraffanno nonostante i suoi sforzi. Anche allora, il ricordo di Kyoka si unisce ai due, ferendo ulteriormente Elsa.

Essendo ora in 3, Elsa non è in grado di difendersi, subendo lesioni multiple come risultato dato che Ikaruga non smette di tagliarla con la sua lama. Guardando il loro avversario inerme, Azuma lega una Elsa sfinità mentre Ikaruga osserva con leggero disgusto Kyoka torturare continuamente la nemica. Quando però Elsa ricorda loro di come in passato li avesse sconfitti nonostante ognuno di loro fosse stato un'avversario più forte di lei, lanciandogli contro uno sguardo orribile, la maga di Fairy Tail ordina loro di andarsene subito. Il momento dopo averlo sentito, completamente terrorizzata, Ikaruga, insieme a Kyoka e Azuma, scompare dal campo di battaglia.

Poteri e abilità

In vita, Ikaruga si dimostrò essere una degli avversari più pericolosi che Elsa avesse mai affrontato in tutta la sua vita e, in quanto leader dei Trinity Raven, le sue capacità di combattimento si sono inoltre dimostrate essere superiori a quelle dei suoi due compagni.

Magia delle Spade (剣の魔法 Ken no Mahō)

Attraverso questa Magia che usa in concomitanza con la sua spada, Ikaruga può eseguire vari incantesimi che erano abbastanza forti da spezzare una delle più potenti armature di Elsa.

Incantesimi

  • Luce Vuota di Yasha (夜叉 閃 空 Yasha Senkū): Una tecnica che consente ad Ikaruga di tagliare qualsiasi cosa lei stia attaccando senza toccarla con la lama, mandando in frantumi persino le armature e le armi magiche con un solo attacco.
  • Garuda Flame (迦楼羅炎 Karura-en): È una tecnica che crea fuoco dalla lama di Ikaruga. Ha le stesse proprietà del Flash Vuoto di Yasha ed è stato abbastanza potente da distruggere l'Armatura di Fiamme Imperatrici di Elsa, che è nota per dimezzare il danno inflitto dagli attacchi a base di fuoco.

Specialista di scherma magistrale:

Ikaruga cuts Cards

La maestria della spada di Ikaruga.

Ikaruga è un prodigio nell'arte della spada, e prima della sua partita con Elsa Scarlet non aveva mai perso una battaglia. Poteva facilmente sconfiggere Sho prima che quest'ultimo potesse reagire e persino riuscire a tagliare le carte a metà, oltre che le vene del suo avversario senza lenirne la pelle, dimostrando che Ikaruga possiede anche un'immensa precisione con i suoi tagli, arrivando a tagliare persino la spaccatura dimensionale. Era in grado di eguagliare e persino sopraffare Elsa con la sua spada e mandare in frantumi la maggior parte delle sue armature con uno sforzo relativamente piccolo. Apparentemente è capace di attaccare cose che sono fuori dalla portata della sua spada, mandando dei fendenti stessi nell'aria che appena raggiungono il proprio bersaglio possono tagliare qualunque cosa, secondo Ikaruga.

Velocità immensa:

Ikaruga riuscì a tagliare Erza e Sho, che erano entrambi a pochi metri dalla sua posizione, senza che vedessero la sua mossa. Poteva anche distruggere l'Armatura del Purgatorio di Elsa prima che Elsa potesse reagire.

Armi

Mugetsu-Ryu

Mugetsu-Ryu.

Mugetsu-Ryū (無月流 Mugetsu-Ryū): Ikaruga usa una katana magica di nome Mugetsu-Ryu.

Nel manga, Mugetsu-Ryu sembra una normale katana con una lama estremamente lunga, che ricorda un nodachi, con un paramano decorato e un tradizionale manico e impugnatura.

Nell'anime, tuttavia, viene conferito un aspetto molto più particolare, con un paramano rosso e nero dall'aspetto occidentale e il tradizionale avvolgimento giallo e rosso affiancato da piastre dorate sull'elsa, che terminano in modo molto elaborato, pomo intagliato. La guaina laccata è rossa e ha diverse piccole campane legate all'estremità del fodero dove incontra l'elsa della lama. Ikaruga afferma che ha la capacità di tagliare qualsiasi cosa.

Curiosità

  • Il nome Ikaruga viene ispirato dal nome del frosone giapponese.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.